domenica 15 dicembre 2013

Frozen - Il Regno di Ghiaccio - La recensione

Dopo la parentesi moderna con 'Ralph Spaccatutto', la Disney torna sul classico portando sul grande schermo la fiaba 'La regina delle nevi' di Andersen, con il titolo di 'Frozen - Il regno di Ghiaccio'.
Un po' diverso però dal classico a cui ci hanno abituati gli sceneggiatori Disney, questo film viene presentato come un 'classico contemporaneo', pur mantenendo però nel tipico stile narrativo.

Molto differente dalla fiaba originale, il film racconta la storia di due sorelle, Elsa e Anna, molto unite da piccole ma costrette a separarsi a causa di un incidente magico successo mentre stavano giocando. Elsa infatti è nata con un potere particolare, è capace di creare ghiaccio e neve. Un dono che è anche una maledizione, perché dopo quell'incidente capisce che il suo potere sta crescendo, sempre più potente, e non riesce più a controllarlo.
I genitori riescono a tenere il segreto per molti anni, ma alla loro morte toccherà a lei diventare regina, e quel giorno non riuscendo più a gestire le proprie emozioni, il suo potere perde totalmente il controllo.

Un film che colpisce già dai primi minuti, tecnicamente la Disney migliora di film in film, e ce lo dimostra con un approfondito studio delle reazioni della neve, nulla è lasciato al caso, e gli effetti speciali riescono a darci completamente la sensazione di essere li, soprattutto durante la 'bufera'.
I personaggi sono tutti caratterizzati in modo giusto, le bambine (target principale a cui è indirizzato questo film) riusciranno sicuramente ad ammirare il personaggio di Anna, principessa coraggiosa che si spinge anche nel pericolo pur di salvare le persone che ama. Le più grandi invece ameranno il personaggio di Elsa, costretta a nascondere la sua vera natura, forzando anche a se stessa, per poi accettare questa sua diversità, capendo di non essere anormale.

Il punto di forza di Frozen sono sicuramente le canzoni, scritte dal compositore Christophe Beck, protagoniste della storia quanto le due principesse. La più memorabile è sicuramente 'Let it go' di Demi Lovato, nel film cantata da Idina Menzel (in italiano tradotta in 'All'Alba Sorgerò', cantata da Serena Autieri).
Forse l'unica pecca di questo film è quella di essere frettoloso, soprattutto nella parte iniziale. I momenti si susseguono uno dopo l'altro, e non si fa in tempo a conoscere alcuni personaggi che vengono velocemente accennati, per poi (almeno per qualcuno) riprenderli più avanti.

Comunque Frozen è sicuramente un film da vedere, emozionante e a tratti sorprendente, film perfetto da far vedere ai bambini in questo periodo.

0 commenti:

Posta un commento